Homepage>Guide per le aziende>Recruiting & Assunzioni>Come identificare un valido contabile per la tua azienda
time3 minuti di lettura

Come identificare un valido contabile per la tua azienda

Esiste un candidato ideale, nel mondo contabile? Come riuscire a identificare la risorsa corrispondente alle proprie esigenze? Rispondiamo in questa guida, proponendo una riflessione sull’argomento!

Come identificare un valido contabile per la tua azienda

Indice dei contenuti

Quante volte, maturata l’idea di ampliare l’organico, ci troviamo di fronte ad una realtà amarissima: non abbiamo idea di quali siano i requisiti indispensabili, abbiamo una vaga percezione delle mansioni e non sappiamo quantificare il livello di competenza della persona che intendiamo ricercare.

Sappiamo chi ci serve, ma non sappiamo definirlo. Un po’ perché l’attività vede al suo interno altri professionisti, un po’ perché siamo combattuti tra una persona giovane da formare in base al core business, ma al tempo stesso l’idea di assumere una persona con esperienza - operativa fin da subito - non ci lascia indifferenti.

Come risolvere questa dicotomia? Proviamo a fornire una guida (attenzione: non una risposta alla domanda “Quale contabile dovrei assumere”), ma una mappa per giungere alla risposta.

Definire i requisiti del contabile perfetto

Guardiamoci intorno, osserviamo i membri del team e le loro mansioni: proviamo a chiudere gli occhi e immaginare dove la postazione della nuova risorsa. Dove sarà la sua scrivania? Con chi si interfaccerà? In quali mansioni sarà una figura chiave, e in quali fornirà supporto una tantum?

Questo esercizio serve ad avere una visuale d’insieme: ma per entrare più nello specifico, continua a leggere! Approfondiamo le competenze trasversale, quelle specifiche del mondo contabile e proponiamo un focus anche sulle competenze informatiche, essenziali - mai come in questo periodo storico - per svolgere una professione a contatto con numeri, calcoli e previsioni.

Identifica le soft skill indispensabili

Problem solving, leadership, thinking out of the box… Questi termini inglesi spopolano, ma serviranno per svolgere la professione di contabile nella tua attività? Ragiona, chiedendo a te stesso: starà a contatto con i clienti? Si interfaccerà con un team organizzato e gerarchico? Dovrà muoversi agevolmente tra una mansione e l’altra? Il tuo studio o l’attività in questione ha orari molti rigidi, o hai scelto orari flessibili?

Se risponderai sinceramente a queste domande, avrai una primissima overview delle soft skill ideali!

Identifica le hard skill indispensabili

Competenze tangibili e specifiche, che - nel mondo della contabilità - rivelano in modo particolare la loro rilevanza. Qualche esempio? Abilità di calcolo, budgeting, gestione del rischio, o gli specifici gestionali contabili che rendono queste attività possibili.

Ragionando, valuterai anche il fatto che molte cose possono essere apprese. A questo punto, se richiedi competenze tecniche specifiche che sembri non trovare in nessun candidato, potrai porre particolare attenzione all’attitudine all’apprendimento continuo, fondamentale per chi lavora con gestionali e programmi contabili.

Competenze informatiche

Gestionali e programmi: per scoprire le piattaforme più utilizzate dalle aziende, abbiamo scritto una guida! Ricorda che siamo in un momento storico dove la tecnologia è fondamentale: tutto può essere imparato, ma avere familiarità con i vari tool è molto importante.

Questo ci porta a due soft skill rilevanti, nel mondo contabile: flessibilità e problem solving! Magari la risorsa non sa utilizzare il gestionale del tuo studio, ma se è dotata di queste competenze uscirà dal problema con successo!

Il candidato ideale

Il candidato ideale: una nomenclatura forse poco attuale, ma da tenere presente. In base alla nostra esperienza con contabili.it, abbiamo notato come alcune caratteristiche di questo “candidato ideale del mondo contabile” tendano ad essere frequenti.

La persona ambita spesso risponde ai requisiti di puntualità, organizzazione, precisione; è predisposta alla formazione continua e all’apprendimento, ed è inoltre dotata di capacità di relazione e di gestione del cliente. Fondamentali la conoscenza di gestionali contabili, ma anche il pensiero analitico e il multitasking.

Cosa ne pensi? Concordi con noi nel profilo che abbiamo tracciato, o desidereresti altre competenze in caso di assunzione di un impiegato contabile? Se vuoi approfondire il discorso con noi, contattaci!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Le competenze di un junior accountant, ovvero un contabile alla prima esperienza o con una seniority non troppo elevata, non sono diverse da quelle di un senior! Una cosa li differenzia: l’esperienza!
Leggi guida
La somministrazione di lavoro è una scelta strategica, sia che si tratti di una grande azienda, di una PMI o di uno studio professionale. In questa guida ti spieghiamo perché dovresti considerare la somministrazione, per l’assunzione del contabile a cui stai pensando!
Leggi guida
Nuovo dipendente in arrivo e non sai come gestire il suo ingresso in azienda? Nessun problema, questa guida è dedicata proprio all’onboarding!
Leggi guida